Progetto “terra dei fuochi”

Prefazione al libro digitale “TERRA BRUCIATA”, uno dei contributi didattici da realizzare nell’ambito del progetto pensato per la partecipazione al concorso “Immagini per la Terra”, edizione 2013-14.

Copertina dell'e-Book in via di composizione con i-Book Author dell Apple

Copertina dell’e-Book in via di composizione con i-Book Author dell Apple

Nelle parole di Roberto Saviano, riconosciamo una strada, una traccia da seguire, come una sorta di voce narrante che con lucidità ci racconta la vicenda che stiamo vivendo senza esserne pienamente consapevoli. E noi ascoltiamo, quasi increduli, come la pur tanto tristemente nota storia di scelleratezze dei clan criminali abbia tracimato in tanta ignominia, sulla pelle di noialtri sudditi del Regno, da sempre avvezzi al sopruso, all’illegalità, subita e a volte compiuta con leggerezza, e perciò forse più disposti a tollerare. Tanto a chi importerà dove si interrano i rifiuti e di quale genere di rifiuti – industriali, ospedalieri e persino cimiteriali – si tratti?

La cronaca diventata storia – storia criminale – nelle parole di Saviano, a circa dieci anni dall’uscita del libro, ritorna ad essere cronaca. Indagini della magistratura, inchieste, comitati di cittadini, manifestazioni di piazza hanno diffuso ovunque questa curiosa espressione, “la terra dei fuochi”, facendola diventare patrimonio del nostro immaginario collettivo.

“Terra dei fuochi” è il titolo dell’ultimo capitolo di Gomorra, il pamphlet con il quale Roberto Saviano ha denunciato all’opinione pubblica gli orrori della criminalità organizzata in Campania. A sugello di un percorso doloroso, fatto di profondo degrado,  di disperazione, di sfruttamento, ma anche di politica e di affari, l’ultimo capitolo ci illumina sul business dei rifiuti e, in special modo dei rifiuti tossici, degli scarti industriali. Ogni debolezza umana ed inefficienza del controllo statale diventa un affare per la malavita organizzata. Ogni settore dell’economia “legale” ha il suo universo parallelo nell’economia criminale. La prostituzione, gli stupefacenti, le scommesse, il gioco d’azzardo, il commercio, l’edilizia. E quindi anche i rifiuti. Le aziende del centro-nord producono scarti industriali in grande quantità, il cui corretto smaltimento è una voce di bilancio molto gravosa, specie in tempo di crisi. Ed ecco che al problema l’economia criminale offre una pronta soluzione. Solerti, per lo più giovani, procuratori d’affari che si definiscono stakeholders – termine noto a chiunque abbia studiato un po tecnica di marketing, che, come Saviano ci chiarisce sono “quelle figure d’impresa … coinvolte nel progetto economico e che con la loro attività sono direttamente, o indirettamente, in grado di influenzarne gli esiti” – provvedono a mettere in contatto le aziende con l’organizzazione disposta, a prezzi stracciati, a far sparire i loro scarti nelle viscere della terra.

Brecht, a proposito della guerra, parlava di “microsenso” e “macrofollia”, volendo intendere che dietro ogni guerra c’è sempre uno scopo, una motivazione spesso economica, un “senso” appunto. Ma qualunque sia il senso, appare sempre insignificante rispetto all’immane follia che essa rappresenta. Sversare rifiuti tossici in discariche non controllate o nel terreno coltivabile, inquinando la terra e le falde, qualunque sia il senso a monte, è una macrofollia che denota un totale disprezzo per ogni valore, un nihilismo assoluto.

Tre pagine del libro "Terra bruciata"

Tre pagine del libro “Terra bruciata”

Partendo da queste e da altre considerazioni, abbiamo pensato di produrre un progetto didattico che parta dalla presa di coscienza del fenomeno per svilupparsi in ricerca. Questo lavoro (l’e-book TERRA BRUCIATA) rappresenta una tappa di questo processo. Un piccolo contributo che offriamo come testimonianza della nostra dignità di meridionali.

Annunci

Informazioni su vincegargiulo

Nato a Napoli dove ho studiato arte. Insegno grafica e fotografia nella scuola statale. I miei interessi spaziano dalla comunicazione visiva alla filosofia, fotografia, cinema ...
Questa voce è stata pubblicata in progetti. Contrassegna il permalink.

Benvenuti su Classroom_news!

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...