Dal modulo alla struttura; dalla struttura al pattern

Approfondimento per le classi III (A e B).
I FASE: le basi concettuali. Modulo, struttura, pattern…

Abbiamo già incontrato il modulo (il modulo quadrato) e la struttura (la struttura portante del quadrato). Qualche precisazione per iniziare:

  • Il modulo è una forma presa a modello (da modus);
  • il modulo può essere la forma costitutiva di una struttura;
  • una struttura si dice modulare quando è costituita da (una o più) unità identiche  che si ripetono sino a riempire una superficie (pensate ad una pavimentazione);
  • gli elementi costitutivi della struttura modulare (i moduli) producono un reticolo (il reticolo strutturale viene creato dalle tracce, ossia dai margini del modulo stesso);
  • lo stesso modulo può formare diverse modulazioni (e quindi diversi reticoli) a seconda dell’orientamento (ad esempio: un quadrato orientato secondo un determinato angolo originerà diversi reticoli)
Schermata 2014-11-17 alle 17.40.34

Reticolo generato da un modulo quadrato

Schermata 2014-11-17 alle 17.52.43

Reticolo quadrato orientato di 30°

  • Una struttura non è mai fine a se stessa. Esattamente come lo scheletro, essa è funzionale ad uno scopo: sostiene ed ordina le parti di un insieme coordinato.
  • Una struttura può essere dinamica o statica, visibile o invisibile, attiva o inattiva (ecc.). Essenzialmente, oltre a quella detta modulare (la struttura modulare) e a quella portante (la struttura portante, come nel caso dello scheletro), abbiamo la struttura proiettiva.
  • La struttura proiettiva è  originata dalla struttura portante;
  • la struttura proiettiva si determina disegnando linee di proiezione che passano per i nodi strutturali (quelli che non vanno già a formare la struttura portante originaria) o che partono da essi.
  • Un particolare tipo di struttura proiettiva è impiegato per individuare rapporti dimensionale e la corretta collocazione di elementi compositivi (ad esempio in una pagina pubblicitaria).
STRUTTURA-PROIETTIVA

Struttura proiettiva per l’individuazione di marginatura, rapporti proporzionali e posizione degli elementi nello spazio-campo della pagina.


  • Il pattern si crea quando una configurazione [geometrica od organica, regolare o irregolare – qui il termine configurazione è utilizzato nell’accezione derivata dalla psicologia della forma, (vedi Gestalt) – ossia come un insieme di elementi formali dotati di significato] si manifesta con regolarità sistematica, a formare uno schema ripetuto nello spaziocampo.
carrots-pattern

Pattern presente nella libreria di Photoshop

Disco%20Patterns 15581657-seamless-patterns-black-white

  • Si può creare un pattern anche ripetendo una configurazione (o un elemento grafico, pittorico od organico…) seguendo lo schema di un reticolo strutturale: ad esempio, possiamo disegnare un fiore e copiarlo, ordinando le copie o i cloni su un reticolo.
  • I pattern ammettono molteplici variazioni come alternanze, rotazioni, riflessioni, slittamenti, purché sia presente un criterio ordinatore.
  • Alcuni tipi di pattern sono classificabili anche come texture. Possiamo dire che i pattern hanno molte proprietà delle texture, sebbene queste ultime  siano – generalmente – caratterizzate dall’assenza di un reticolo strutturale intenzionale e riconoscibile. Tipiche texture sono, ad esempio, una superficie coperta da ghiaia, la corteccia di un’albero (texture naturali); ma anche al trama di un tessuto o un’opera muraria.
  • Particolari tipi di pattern (e di texture) sono le tassellature, il cui esempio più comune è rappresentato dalle pavimentazioni (tiling). Per una trattazione più completa, vedi anche la pagina argomenti>trasformazioni
Annunci

Informazioni su vincegargiulo

Nato a Napoli dove ho studiato arte. Insegno grafica e fotografia nella scuola statale. I miei interessi spaziano dalla comunicazione visiva alla filosofia, fotografia, cinema ...
Questa voce è stata pubblicata in Esercitazioni, progetti e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Benvenuti su Classroom_news!

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...