Macchine Offset

Tipologia delle macchine offset


  1. Classificazione generale 
    1. Macchine a foglio
      • Sono il tipo più utilizzato nell’editoria, nella cartotecnica e nelle piccole aziende di stampati commerciali.
      • Consente basse tirature, semplicità dell’avviamento e flessibilità nei formati carta.
    2. Macchine a bobina (o rotative)
      • sono impiegate da aziende di grandi dimensioni, per la stampa in grandi tirature ad alta velocità (le macchine a bobina possono raggiungere i 70.000 giri/h).
      • Accettano carta di grammatura leggera e di bassa qualità (presentano limitazioni con carte di elevata grammatura)
      • Possono stampare contemporaneamente la bianca e la volta (ma sono poco flessibili per variazioni di formato, ecc.);
      • Possono gestire anche la fase di piegatura e di taglio (con l’aggiunta di unità dedicate).
      • Hanno tempi di avviamento lunghi e producono una forte quantità di scarto;
      • Hanno costi di acquisto e di gestione elevati.
  2. Classificazione dimensione del foglio di stampa
    1. formato piccolo = meno di 70×100
    2. formato medio = 70×100
    3. grande = maggiore di 70×100

      macchina-offset

      Macchina offset monocolore

  3. Classificazione delle macchine a foglio (n° dei colori)  
    • macchine a un colore
      • hanno un solo gruppo di stampa in un unico castello;
      • sono generalmente di piccolo formato;
      • sono utilizzate per piccole tirature di lavori commerciali.
    • macchine bicolori
      • in certi casi, con due passaggi in macchina, sono adoperate anche in lavori di quadricromia in piccole aziende che producono stampati di vario genere.
    • macchine a quattro colori
      • sono generalmente di formato 70 x 100 cm;
      • sono provviste di quattro castelli con i rispettivi gruppi di stampa, posti in linea che lavorano coi colori di quadricromia;
      • sono adatte per la stampa di cataloghi, pieghevoli e depliant.

        /FS/SER02/TEMP/sm_52-5-p_vorn__.tif

        Macchina offset convertibile a cinque colori

    • macchine pluricolori
      • i modelli a cinque e a sei colori possono stampare in quadricromia più le tinte piatte particolari e/o realizzare la verniciatura in linea;
      • le macchine dette convertibili possono stampare la bianca e la volta in un solo passaggio;
      • i modelli convertibili – ad esempio quattro+quattro colori – possono ospitare contemporaneamente tutte le lastre della bianca e della volta. Sono dotati di un cilindro di voltura che – alla fine del processo di stampa della bianca – provvede ad accogliere il foglio in uscita e posizionarlo per la stampa della volta.
      • Le macchine convertibili pluricolore hanno una notevole flessibilità d’uso per la capacità di lavorare in diversi modi, ad esempio: regolando il cilindro di voltura in modo che operi solo il trasporto del foglio senza voltarlo, per effettuare la stampa sulla sola bianca di due colori o più (2+0; 4+0; 5+0, ecc.); oppure per stampare un numero di colori diverso in bianca e in volta, con un solo passaggio in macchina (1+1; 2+2; 1+4).
    • OFFSET_RYOBI

      Macchina offset a foglio di medio formato, a 4 colori

  4. Classificazione delle macchine a bobina 
    1. ad elementi in linea:
      • rotative tradizionali, con tre cilindri offset in linea;
      • il principio di funzionamento è lo stesso che nelle macchine a foglio, ma non hanno bisogno delle pinze di trascinamento della carta;
    2. caocciù contro caocciù:
      • la stampa avviene per contatto diretto di due cilindri di caocciù contrapposti che svolgono anche la funzione di cilindri di pressione;
      • presentano due diversi gruppi di bagnatura e di inchiostrazione che stampano la bianca e la volta contemporaneamente.
    3. rotative a satellite:
      • un grande cilindro di pressione è posto al centro della macchina;
      • intorno ad esso sono disposti quattro gruppi di cilindri – lastra e caucciù – che stampano in sequenza i quattro colori;
      • tra i gruppi di stampa sono posti dei gruppi di essiccazione supplementari il cui compito è di asciugare gli inchiostri nei primi tre passaggi, coadiuvando il compito del forno posto alla fine del percorso della carta, dopo la stampa del quarto colore.
      • Il cilindro di pressione di grandi dimensioni, posto centralmente, rende possibile la stampa su supporti di elevata grammatura (cartoni), senza provocare deformazioni;
      • il processo di stampa in unico passaggio elimina il rischio di fuori registro.
        PI-1817-Open-House-VSOP

        Macchina offset a bobina


         

COME FUNZIONA

https://wpcomwidgets.com/render/

 

Annunci

Informazioni su vincegargiulo

Nato a Napoli dove ho studiato arte. Insegno grafica e fotografia nella scuola statale. I miei interessi spaziano dalla comunicazione visiva alla filosofia, fotografia, cinema ...
Questa voce è stata pubblicata in tecnologia dei processi di produzione e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Benvenuti su Classroom_news!

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...